Cetara

 

DCIM122GOPRO

Cetara è il borgo di pescatori così come uno se lo immagina: una manciata di case raccolte intorno alla chiesa dalla cupola maiolicata, un piccolo porto coi pescherecci ormeggiati e gozzi di pescatori tirati da riva sulla spiaggietta.

Era il lontano 879 quando i pirati saraceni, sbarcati per la prima volta in Costiera Amalfitana, la scelsero come loro base per le incursioni.
Oggi a memoria di questo passato turbolento resta solo l’antica torre di avvistamento che domina il paese.

A Cetara si viene soprattutto per mangiare il miglior pesce della Costiera Amalfitana: a partire dalla colatura di alici, erede dell’antico garum romano, fino al tonno pescato al largo con il tradizionale sistema delle tonnare.
Un tonno talmente apprezzato da essere richiestissimo in Giappone per il sushi.

Positano.com